Il giro in risciò

Ogni espulsione in faccia

Lancia le mie emozioni dappertutto

Ti guardo chiudendo gli occhi

la calma che scende tra le grida

mentre dimentico di battere le palpebre, sperando che tu sorrida

Vedo quei numerosi sconosciuti che passano mentre cavalchiamo

come vorrei, il risciò si ferma per un po ‘

Temendo quando ti sveglierai

Fisso la tua bellezza, cercando di ricordarla fino alla morte

Una folata di vento ti ha svegliato dal sonno

mentre sono stato catturato, guardando il mio riflesso nei tuoi occhi

hai socchiuso gli occhi, hai sorriso, ti hai accarezzato i capelli

Distolsi lo sguardo, lontano dal realismo insipido

Le tue risatine, le tue maledizioni

quando hai paura, quando sei stanco

ti rende speciale, mi toglie i battiti del cuore

Un momento che desidero

un esempio per cui mi impegno

stare con te quando sei triste

allora sii tu a farti ridere

Quando dormo. Studia o fai una passeggiata nel parco

la tua voce candida riempie il buio

la schiettezza, l’innocenza nei tuoi discorsi

mi umorizza, mi sorprende, mi fa piangere

come mi manchi ancora più di quanto tu possa mai provare

Anche con rabbia, agisci e muovi il braccio da bambino

e preoccupati come se fossi da solo sul ciglio della strada

pettegolezzi, come se non ci fosse nessuno che stesse osservando dall’altra parte

Seduto accanto a te, anche le mie bugie arrossiscono

a s parlo dal profondo del cuore, nessuna mente a tutti

Il sole splendeva, stavi camminando alla mia destra

un assaggio della tua triste situazione, avrei voluto che fosse notte

possa il tuo sudore trasformarsi in rugiada

scintillanti come i tuoi occhi sulla faccia fiorita

Abbiamo camminato, abbiamo camminato lungo le torri nascoste degli alberi

mentre le nostre mani si sfioravano a volte

Ho sognato che la strada diventasse il mare

noi facciamo un viaggio con le mani sul lato opposto

Il tempo si fermerà, la brezza scorrerà

e saremo insieme e persi nella nostra ombra