Gli amici sono la famiglia che scegliamo

Recentemente ho fatto un inventario mentale delle persone che hanno avuto la maggiore influenza positiva sulla mia vita. Di loro, la maggioranza erano amici.

Alcuni di noi hanno genitori e fratelli con cui trascorriamo del tempo prezioso, e lì c’è conforto come nessun altro. Per altri di noi, non abbiamo avuto una famiglia di nascita che ha fatto parte della nostra vita adulta.

Quando mia madre morì, mia cugina venne a parlarmi. Tenendo una matita, disse: “Se provi a farcela da solo, ti spezzerai facilmente come questa matita”. Poi prese una manciata di matite e disse: “Ma se rimani insieme alla tua famiglia e ai tuoi amici, non sarai in grado di essere infranto. ”Questo è certamente stato vero per me nei 45 anni successivi.

Lo scorso fine settimana, circa 20 amici hanno viaggiato dalla Carolina del Nord e da altre parti per una maratona a Cincinnati. Il momento clou, ovviamente, è stata la corsa di 26,2 miglia di domenica, in cui cinque di noi hanno corso insieme per oltre quattro ore. Mentre stavamo correndo, non potevo fare a meno di pensare a quanto improbabile sarei stato con quattro amici, provenienti da Pennsylvania, California, Inghilterra e New Jersey. Nessuno avrebbe predetto una cosa del genere da bambino a Greensboro, NC.

Ci sono stati anche altri momenti salienti del fine settimana. Ad esempio, siamo usciti nel salotto della suocera della mia amica Sarah e sembrava che ogni riunione di famiglia rilassata che tu abbia mai avuto. L’intera esperienza del nostro viaggio è stata il tipo di vacanza in famiglia che desideri, anche se tecnicamente non eravamo una famiglia.

In un mondo in cui siamo in grado di guardare film o programmi TV su richiesta a casa, in cui la frequenza alla chiesa diminuisce ogni anno e dove ora siamo in grado di ottenere i diplomi universitari senza mai mettere piede a casa, potremmo trovarci isolati . Coltivare e coltivare amicizie ti impedirà di farlo.

Quando ero giovane, temevo che il comportamento caotico e spesso pericoloso della mia famiglia potesse impedire ad altri di accettarmi. Alla fine, i miei vicini mi portarono nelle loro case per i pasti, mi invitarono in chiesa e mi guardarono fuori in modi che non avevo realizzato fino a quando non fossi diventato adulto. Più tardi, gli amici delle superiori come Patti, Diane e Anna mi hanno fatto sentire parte delle loro famiglie.

Ripenso ai decenni passati e mi rendo conto che i miei amici sono diventati davvero la mia famiglia. Tendiamo al reciproco benessere reciproco, tiriamo fuori le nostre migliori qualità e trascorriamo ore a perseguire attività salutari. Per quelli con bambini, vedo crescere i giovani e provano un senso di orgoglio come se fossero i miei.

Dicono che un amico conosce le parole della canzone nel tuo cuore e può cantarle di nuovo quando dimentichi le parole. Ogni giorno, questi amici cantano per me forte e dolce in modo che la canzone nel mio cuore diventi la colonna sonora della mia vita.