Il tuo migliore amico dovrebbe dirti tutto? – Vay Sylver

Il tuo migliore amico dovrebbe dirti tutto?


Mi sono ritrovato a porre quella domanda di recente dopo aver scoperto che il mio migliore amico mi ha tenuto lontano alcune informazioni. Non che mi aspettassi che mi dicesse tutto quello che succede nella sua vita, ma ci sono alcune informazioni che penso dovrei essere a conoscenza. Di ‘, ad esempio, la sua decisione di lasciare il suo attuale lavoro come direttore di banca. Immagina il mio shock quando ho ricevuto le notizie da qualcun altro.

Non dovrei venire prima quando faccio queste scelte che cambiano la vita? Almeno, ora che è ancora single, non dovrei essere il suo confidente numero uno? Il mio titolo di migliore amico è utile in determinate situazioni e ignorato in altre?

Io e il mio amico avevamo fatto molta strada. Ci siamo incontrati alla festa di compleanno di un amico comune e siamo saliti come una casa in fiamme. I numeri si scambiarono, andarono ad un appuntamento il fine settimana seguente e si resero conto che stavamo meglio con gli amici che con gli innamorati. Inoltre, all’epoca eravamo entrambi in una relazione.

Da amici, ci siamo confidati l’un l’altro quando le cose sono andate male nei nostri rapporti o sul lavoro. Quando aveva bisogno di una spalla su cui appoggiarsi, la mia era disponibile; un partner malizioso nel crimine, ero lì con tutta la mia marcia. Presto, i nostri rispettivi partner si sentirono a disagio con la nostra vicinanza. Ci conoscevamo i codici segreti reciproci e condividevamo barzellette private che a volte suscitavano l’ira dei nostri partner.

Il modo in cui siamo riusciti a rimanere fedeli ai nostri amanti mi sfugge ancora. Tuttavia, non siamo mai stati attratti l’uno dall’altro sessualmente. Era certamente il mio tipo (se fosse disponibile). Una volta, ci siamo imbattuti l’uno nell’altro al mio posto e le sue braccia mi hanno leggermente sfiorato il seno sinistro. Sembrava così imbarazzante (e anche adorabile). Ci fissammo per un fugace secondo prima di ridere ad alta voce. Nessuno di noi ha mai più parlato di quell’incidente.

Eravamo entrambi devastati quando abbiamo scoperto i nostri partner a letto insieme pochi mesi dopo. È stato così doloroso che abbiamo trascorso tre giorni al mio posto senza dirci una parola. La prima conversazione che abbiamo avuto è stata un viaggio in colpa. Entrambi ci siamo sentiti responsabili delle azioni del nostro partner. Forse se non fossimo troppo vicini, non sarebbero così insicuri. Li abbiamo inconsciamente spinti l’uno verso le braccia dell’altro? Eravamo così presi dalla nostra amicizia da non riuscire a vedere la loro ferita e gelosia?

Non abbiamo mai trovato risposte oneste a quelle domande, ma abbiamo deciso che chiunque ci amasse veramente non sarebbe minacciato dalla nostra amicizia. Quello era l’anno scorso.

Ora mi sento così minacciato dalla sua azione per mantenere questo segreto da me. Non l’ha mai menzionato quando abbiamo parlato stamattina. Mi sta mettendo da parte o sono paranoico?

I migliori amici dovrebbero condividere tutto. Dovrebbero essere i primi a saperlo prima del mondo. C’è un cartello sul muro che non sto leggendo bene?

Dovremmo incontrarci stasera a casa sua. Forse me lo dirà allora. E se non lo facesse? Dovrei chiedergli o fingere di essere al buio?